Gianluca Petrella - trombone, Fender Rhodes electric piano, laptop, effetti

Con la sua performance in solo, Gianluca Petrella si muove sul lato più intimo e introspettivo della propria personalità musicale, chiarendo il suo gusto raffinato grazie a una serie di atmosfere cinematografiche descritte con la combinazione di ossessive melodie jazz e cupi percorsi elettronici, il tutto santificato nel nome del blues che da sempre caratterizza il suo lavoro.

Un solo luogo. Senza un attimo di pausa ma capace di variare rapidamente, giocando su strutture melodiche e armoniche, glissando o evitando i pattern che il jazz ha divulgato, passando attraverso pura e semplice “rumorosità” o suoni apparentemente senza un senso. Nuove strade, nuovi sensi, nuovi odori musicali, il tutto in pieno equilibrio con il pubblico e la location al fine di creare un interplay totale tra l’artista, la sua strumentazione e l’ambiente circostante. Questo live cattura in maniera profonda le dimensioni evocate dalle città oscure – mezzanotte, strade fumose, solitudine, esistenzialismo e romanticismo – consentendo a chi ascolta di conoscere la musica jazz da una prospettiva insolita.

DOWNLOAD ENGLISH VERSION