Paolo Fresu - tromba, flicorno, effetti; Diederik Wissels - piano; David Linx - voce; Christophe Wallemme - basso; Helge Norbakken - batteria (oppure Michele Rabbia, percussioni)
Reference cd Tuk: THE WHISTLEBLOWERS

Quindici anni dopo il fortunato esordio (al tempo con una straordinaria sezione ritmica formata anche da Palle Danielsson al contrabbasso e Jon Christensen alla batteria), Heartland torna in vita, dribblando i calendari sempre più ricchi di impegni dei suoi principali primattori, con un nuovo lavoro discografico di caratura assolutamente internazionale e senza peraltro che Fresu, Linx e Wissels avessero mai smesso di collaborare comunque insieme.
"Tre temperamenti musicali che riaccendono regolarmente le proprie scintille e i propri motori ogni volta che in uno studio o su un palcoscenico la vita vuole che s'incontrino". Le parole sono di Linx che riconosce fermamente il ruolo di questa riedizione del celebrato ensemble come quello proprio di puri "whistleblowers" (nella più elegante accezione del termine) e quindi di '"informatori", capaci di fare da tramite tra musica e arte in generale.
Riflessive e correttamente rapportate all' uso estatico del mezzo sonoro, le architetture del nuovo progetto comune giocano nelle periferie del mondo armonico convenzionale e colpiscono ancora una volta per intensa profondità, senso poetico e ricerca musicale. Un inaspettato senso di "nuova bellezza" che ammanta ancora una volta un territorio ricco di sorprendente profondità e di "buone sensazioni".

Il progetto può essere presentato in forma di quintetto oppure in quella allargata, come da cd pubblicato per la Tuk Music di Paolo Fresu, addizionando al gruppo base anche il quartetto d'archi Alborada, "arrangiato" per l'occasione dalla sempre attenta regia musicale di Diederik Wissels. I colori e la poesia di Fresu e il velluto e il tocco di Linx fanno il resto.